Regolamento Parlamentarie 2018

Di seguito,  pubblichiamo il regolamento M5S relativo alle prossime elezioni politiche:

REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEI CANDIDATI DEL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE ELEZIONI POLITICHE DEL 4 MARZO 2018 NEI COLLEGI PLURINOMINALI E UNINOMINALI

REGOLAMENTO PARLAMENTARIE PER I COLLEGI PLURINOMINALI ELEZIONI CAMERA E SENATO 2018

Art. 1 (Organizzazione territoriale)
1) Le Parlamentarie si svolgeranno sulla base di Collegi parlamentari, equivalenti al collegio plurinominale, di seguito detto Collegio singolo, salvo nei casi in cui su di un solo Comune insistano più collegi plurinominali; in tal caso tutti i collegi plurinominali insistenti su di un comune saranno accorpati in unico territorio denominato “Collegio metropolitano” e sulla base delle “Ripartizioni elettorali” per la Circoscrizione estero.
2) Per la Circoscrizione estero le parlamentarie si svolgeranno sulla base delle ripartizioni elettorali previste dalla legge.

Art. 2 (Modalità di voto)
1) Ogni iscritto abilitato al voto può esprimere fino a tre preferenze a favore dei candidati per i collegi plurinominali.

Art. 3 (Formazione delle liste nei Collegi singoli e metropolitani)
1) Collegi singoli
a. La lista di candidati nel Collegio singolo è formata secondo l’ordine di preferenze alternato per genere.
b. Di ogni candidato viene calcolata la percentuale delle preferenze ricevute sul totale delle preferenze assegnate in quel collegio.
2) Collegi metropolitani
a. Le liste dei candidati provvisorie nei Collegi metropolitani sono formate secondo l’ordine di preferenza, alternando i collegi, partendo dal più popoloso al meno popoloso, e, partendo dalla seconda posizione di ciascun collegio, alternando i generi ed avuto riguardo al requisito della residenza all’interno del collegio plurinominale.
b. Di ogni candidato viene calcolata la percentuale delle preferenze ricevute sul totale delle preferenze assegnate nel collegio metropolitano.
c. La candidatura definitiva nei collegi plurinominali è stabilita con le modalità di cui allo Statuto.
d. Con riferimento al limite d’età di cui all’art. 6, lett. m) che segue, nel caso in cui in determinati collegi non si raggiunga la soglia minima di rappresentatività di genere, è facoltà del Capo Politico derogare a tale limite d’età e, quindi, designare quali candidati ai collegi plurinominali della Camera persone ultraquarantenni che hanno presentato l’autocandidatura per i collegi uninominali e plurinominali del Senato, appartenenti al genere sottorappresentato.

Art. 4 (Formazione delle liste nella Circoscrizione estero)
1) La lista di candidati di ogni singola ripartizione territoriale è formata secondo l’ordine delle preferenze ricevute.

Art. 5 (Quote di genere per i capilista)
1) All’esito della votazione, si procederà a verificare che le quote di genere per i capolista siano rispettate e
a. In caso negativo si procederà come segue:
i. si individuerà il genere in eccesso;
ii. si individuerà la regione che ha il maggior eccesso percentuale sul numero complessivo dei capilista, ed in caso di parità, si partirà da quella nella quale si è ottenuto il maggior risultato percentuale alle ultime elezioni politiche del 2013;
iii. si invertirà l’ordine di genere nel collegio dove il capolista avrà il minor rapporto tra la percentuale di preferenze ottenute e il numero dei seggi del collegio plurinominale nel quale il capolista è stato designato;
iv. in caso di parità si invertirà dove il capolista è più anziano di età;
v. si procede nuovamente ai sensi del presente comma.

Art. 6 – Requisiti per l’autocandidatura
Ogni candidato, oltre ai requisiti previsti dallo Statuto e dal Codice Etico, al momento della presentazione dell’autocandidatura, dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti ed ottemperare ai seguenti obblighi:
a. dovrà essere iscritto all’Associazione MoVimento 5 Stelle con sede in Roma (l’iscrizione si ritiene completa con la certificazione dell’identità);
b. dovrà aver accettato lo Statuto ed il Codice Etico del MoVimento 5 Stelle e condividerne totalmente il suo contenuto;
c. non dovrà essere iscritto ad alcun altro partito;
d. non dovrà aver in corso contratti di collaborazione di qualsivoglia natura e/o di lavoro subordinato con portavoce eletti sotto il simbolo del Movimento 5 Stelle e/o con gruppi di portavoce eletti sotto il simbolo del Movimento 5 Stelle; dovrà eventualmente fornire una lettera di dimissioni all’atto dell’accettazione e sarà escluso dalle candidature e sottoposto a sanzioni disciplinari in caso di dichiarazioni mendaci
e. costituisce condotta grave ed incompatibile con la candidatura la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo fatto salvo quanto previsto dal Codice Etico
f. nel caso in cui sia a conoscenza di indagini o procedimenti penali a suo carico dovrà fornire un certificato rilasciato ai sensi dell’art. 335 del c.p.p., nonché i documenti relativi ai fatti contestati ed una breve relazione illustrativa dei fatti, con autorizzazione espressa alla pubblicazione di tali atti nell’ambito dello spazio riservato a ciascun candidato.
g. non dovrà avere assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura;
h. non dovrà essere iscritto ad associazioni massoniche;
i. non dovrà aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello, né aver svolto un mandato elettorale o ricoperto ruoli di amministratore e/o componente di giunta o governo, con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle a far data dal 4 ottobre 2009.
j. dovrà risiedere nel collegio plurinominale o metropolitano per il quale intende proporre la candidatura;
k. per la circoscrizione estero dovrà risiedere nella ripartizione territoriale per la quale intende proporre la candidatura;
l. alla data delle elezioni dovrà aver compiuto 25 anni per candidarsi alla Camera e 40 anni per il Senato;
m. chi avrà compiuto 40 anni di età alla data del 1 gennaio 2018 potrà proporre la propria candidatura esclusivamente al Senato. Tale obbligo non è previsto per coloro che ricoprono attualmente l’incarico di portavoce alla Camera;
n. coloro che ricoprono una carica elettiva con scadenza (prevista o effettiva) nella primavera 2018, possono avanzare la loro candidatura;
o. non dovrà essersi dimesso o aver rinunciato ad una carica elettiva, fatti salvi i casi di scioglimento o commissariamento anticipato dell’organo e/o comprovate ragioni di salute e non dovrà aver cambiato gruppo consiliare e/o parlamentare;
p. non dovrà risultare candidato per altre consultazioni elettorali a qualsiasi livello che si terranno nell’anno 2018;
q. nel caso in cui abbia ricoperto incarichi/ruoli di presidente, vicepresidente, tesoriere o segretario di organismi e/o enti di qualsiasi natura giuridica, pubblici o privati, commerciali o no profit, dovrà fornire i bilanci e gli statuti di tali soggetti precisando altresì i compensi ricevuti a qualsiasi titolo.
r. all’atto dell’autocandidatura ogni candidato si impegna, qualora la sua candidatura dovesse essere accettata e successivamente risultasse eletto alla Camera o al Senato, a onorare quanto previsto dall’articolo 5 del Codice Etico ed erogare un contributo mensile di euro 300 destinato al mantenimento delle piattaforme tecnologiche che supportano l’attività dei gruppi e dei singoli parlamentari

Art. 7 – Modalità di proposizione dell’autocandidatura
Ciascuno dei soggetti che ritengano di avere i requisiti necessari per avanzare la propria candidatura, dovrà provvedere entro il termine perentorio che verrà indicato sul cd. blog delle Stelle (www.ilblogdellestelle.it), provvedendo ad accedere sul proprio profilo personale e manifestare, secondo le procedure ivi dettagliate, la propria volontà di avanzare la candidatura dichiarando espressamente di essere in possesso dei requisiti di cui al punto 6) che precede.
Come previsto dallo Statuto, il Capo Politico, sentito il Garante, ha facoltà di valutare la compatibilità della candidatura con i valori e le politiche del MoVimento 5 Stelle, esprimendo l’eventuale parere vincolante negativo sull’opportunità di accettazione della candidatura; tale parere vincolante può essere espresso fino al momento del deposito delle liste elettorali.
La lista di coloro che proporranno la propria autocandidatura e che avranno completato tempestivamente la procedura per la formalizzazione della stessa e che risulteranno in possesso dei requisiti di cui allo Statuto, al Codice Etico, all’art. 6 che precede e che non avranno ricevuto un parere vincolante negativo dal Capo Politico, verrà pubblicata sulla Piattaforma Rousseau per essere sottoposta alla consultazione in Rete. 5.
Al fine della votazione in rete e del rispetto delle norme sulla parità di genere, la lista pubblicata sulla Piattaforma Rousseau per essere sottoposta alla consultazione in Rete, su decisione del Capo Politico, potrà essere integrata da persone ultraquarantenni che hanno presentato l’autocandidatura per i collegi uninominali e plurinominali del Senato, appartenenti al genere sottorappresentato; in tal caso si procederà selezionando le persone partendo dai candidati più giovani fino al raggiungimento delle soglie necessarie per raggiungere l’equilibrio di genere.
REGOLAMENTO PER I COLLEGI UNINOMINALI ELEZIONI CAMERA E SENATO 2018

Art. 1 – Candidati
I candidati per i Collegi uninominali avanzano la propria autocandidatura con le modalità di cui al presente regolamento. Il Capo Politico, previa concertazione con il Garante, provvede alla collocazione dei candidati nei singoli collegi uninominali rispettando il criterio della residenza, del domicilio personale o professionale e/o del centro principale degli interessi vitali della persona nel collegio plurinominale di riferimento. I candidati predetti potranno essere scelti anche tra i candidati che avranno avanzato la loro candidatura per i Collegi plurinominali.
Con riferimento al criterio della residenza, del domicilio personale o professionale e/o del centro principale degli interessi vitali della persona, nonché al limite d’età di cui all’art. 2, lett. l) che segue, è facoltà del Capo Politico, nel caso in cui non si raggiunga un numero di candidature idonee sufficienti a coprire tutti i collegi uninominali della Camera, derogare a tale limite d’età e, quindi, designare quali candidati ai collegi uninominali della Camera persone ultraquarantenni che hanno presentato l’autocandidatura per i collegi uninominali e plurinominali del Senato.

Art. 2 – Requisiti per l’autocandidatura
Ogni candidato, oltre ai requisiti previsti dallo Statuto e dal Codice Etico, al momento della presentazione dell’autocandidatura, dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti ed ottemperare ai seguenti obblighi:
a) dovrà essere iscritto all’Associazione MoVimento 5 Stelle con sede in Roma (l’iscrizione si ritiene completa con la certificazione dell’identità);
b) dovrà aver accettato lo Statuto ed il Codice Etico del MoVimento 5 Stelle e condividerne totalmente il loro contenuto;
c) non dovrà essere iscritto ad alcun altro partito;
d) non dovrà aver in corso contratti di collaborazione di qualsivoglia natura e/o di lavoro subordinato con portavoce eletti sotto il simbolo del Movimento 5 Stelle e/o con gruppi di portavoce eletti sotto il simbolo del Movimento 5 Stelle; dovrà eventualmente fornire una lettera di dimissioni all’atto dell’accettazione e sarà escluso dalle candidature e sottoposto a sanzioni disciplinari in caso di dichiarazioni mendaci
e) costituisce condotta grave ed incompatibile con la candidatura la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo fatto salvo quanto previsto dal Codice Etico
f) nel caso in cui sia a conoscenza di indagini o procedimenti penali a suo carico dovrà fornire un certificato rilasciato ai sensi dell’art. 335 del c.p.p., nonché i documenti relativi ai fatti contestati ed una breve relazione illustrativa dei fatti, con autorizzazione espressa alla pubblicazione di tali atti nell’ambito dello spazio riservato a ciascun candidato.
g) non dovrà avere assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura;
h) non dovrà essere iscritto ad associazioni massoniche;
i) non dovrà aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello, né aver svolto un mandato elettorale o ricoperto ruoli di amministratore e/o componente di giunta o governo, con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle a far data dal 4 ottobre 2009.
j) dovrà risiedere nel collegio plurinominale per il quale intende proporre la candidatura
k) alla data delle elezioni dovrà aver compiuto 25 anni per candidarsi alla Camera e 40 anni per il Senato;
l) chi avrà compiuto 40 anni di età alla data del 1 gennaio 2018 potrà proporre la propria candidatura esclusivamente al Senato. Tale obbligo non è previsto per coloro che ricoprono attualmente l’incarico di portavoce alla Camera.;
m) coloro che ricoprono una carica elettiva con scadenza (prevista o effettiva) nella primavera 2018, possono avanzare la loro candidatura;
n) non dovrà essersi dimesso o aver rinunciato ad una carica elettiva, fatti salvi i casi di scioglimento o commissariamento anticipato dell’organo e/o comprovate ragioni di salute e non dovrà aver cambiato gruppo consiliare e/o parlamentare;
o) non dovrà risultare candidato per altre consultazioni elettorali a qualsiasi livello che si terranno nell’anno 2018;
p) nel caso in cui abbia ricoperto incarichi/ruoli di presidente, vicepresidente, tesoriere o segretario di organismi e/o enti di qualsiasi natura giuridica, pubblici o privati, commerciali o no profit, dovrà fornire i bilanci e gli statuti di tali soggetti precisando altresì i compensi ricevuti a qualsiasi titolo.
q) all’atto dell’autocandidatura ogni candidato si impegna, qualora la sua candidatura dovesse essere accettata e successivamente risultasse eletto alla Camera o al Senato, a onorare quanto previsto dall’articolo 5 del Codice Etico ed erogare un contributo mensile di euro 300 destinato al mantenimento delle piattaforme tecnologiche che supportano l’attività dei gruppi e dei singoli parlamentari.

Art. 3 – Modalità di proposizione dell’autocandidatura
Ciascuno dei soggetti che ritengano di avere i requisiti necessari per avanzare la propria candidatura, dovrà provvedere a manifestare la propria volontà di avanzare la candidatura secondo le modalità che saranno pubblicate sul sito dell’Associazione.

 

PDF
Scarica il Regolamento in PDF